comincia la giornata da creatore

March 6th, 2012

Oggi niente battute (chiedo perdono). Voglio mettere in evidenza un'idea che ritengo molto importante.

La vita conosce i suoi sbalzi: di umore, di livelli di energia ecc. A volte siamo pieni di buona volontà, ma poi passa il momento, la vita va avanti e dimentichiamo quei bei propositi. Questo è un peccato, specialmente perché spesso ci vengono in mente proprio quando non riusciamo a farci niente, per esempio quando siamo in treno, quando dobbiamo studiare per un esame ecc. Se avessi il tempo lo farei proprio adesso, ma purtroppo...

Invece poi viviamo momenti in cui il tempo onestamente non ci manca, però non riusciamo a impiegarlo bene. Per i lavoratori questo tempo è senz'altro il fine settimana, quel weekend a cui stiamo pensando da martedì in poi, dico bene? Mi sono accorto che se prima del fine settimana so di avere vari compiti da svolgere riesco a farli e ad essere abbastanza efficace. Però se questo bisogno non c'è allora è per lo più tempo perso.

Si dice che quando c'è un compito da svolgere e c'è un periodo in cui bisogna svolgerlo, allora il compito tende ad assorbire tutto il tempo possibile. Detto in altre parole, se sai di dover fare qualcosa in poco tempo lo fai in fretta, perché non c'è tempo da perdere. Se invece hai a disposizione tutta la giornata non è che devi necessariamente cominciare subito, puoi benissimo farlo un po' più tardi. Lo riconosci questo ragionamento? Scommetto di sì.

Allora che fare? Ho cominciato col dire che a volte abbiamo tutti questi bei propositi, nevvero? Ecco, bisogna cominciare da questo. Ti svegli la mattina, è sabato, potresti fare qualcosa di utile però non c'è fretta. Invece fallo, fallo prima di fare altro, perché è quello che ti darà soddisfazione. L'altro giorno ho letto un articolo che parlava proprio di questo. Il punto è: comincia la giornata da creatore, non da consumatore. Quindi da agente, da quello che agisce, che ha la voglia di fare delle cose, non da quello che reagisce a ciò che la vita gli impone. Mi piace dirlo così, perché creare (va intenso in senso esteso) è cosa bella.

:: random entries in this category ::